QUALE LEGGE ELETTORALE?Le ipotesi di N. D. S.

 

 

logo-per-ok-notizie            NEO DEMOCRAZIA SOCIALE  per L’ATTUAZIONE DELLA DEMOCRAZIA

In questi giorni abbiamo assistito all’ennesima frode consumata dalla partitocrazia italiana a danno del cosiddetto popolo sovrano.  Onore e merito al Movimento 5 Stelle che ha protestato dentro e fuori dall’aula parlamentare ,  alle briciole della sinistra italiana  e a “Fratelli d’Italia” del centro destra che si sono opposti agli “inciuci” dell’oligarchia italica. Ma tant’è  e alla Camera il Rosatellum 2 è già passato  con il voto di fiducia.

Ricordo a questa “gentaglia” che già 2500 anni fa in Grecia un certo Tucidide in “Guerra del Peloponneso” ( chissà tra i tanti diplomati del governo se qualcuno l’ha studiato!!!)  a proposito del concetto di democrazia di  Pericle  scriveva :” Un uomo che non si interessa dello Stato non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e, benchè soltanto pochi siano in grado di dar vita a una politica , noi siamo in grado di giudicarla. Noi non consideriamo la discussione  come un ostacolo sulla strada  dell’azione politica, ma come indispensabile  premessa  ad AGIRE SAGGIAMENTE….” !!!

Aldilà del metodo , comunque  abominevole, il Rosatellum 2 è la copia riveduta e corretta degli altri aborti precedenti e , naturalmente del “Porcellum”.

Con questo abominio di legge elettorale, si conferma la tendenza a considerare gli elettori una categoria di analfabeti, buoni solo a mettere un segno di croce su una scheda elettorale per confermare le scelte dei partiti ( e che partiti !!!) , che  con un confusionario intreccio tra proporzionale e uninominale , portano in parlamento maggioranza e deputati di esclusivo gradimento delle poche segreterie politiche che giostrano al governo da più di vent’anni.

Quindi ancora una volta gli elettori non potranno scegliersi i propri candidati né con le primarie, né con il voto di preferenza; ancora una volta il partito che raccoglierà un voto in più rispetto agli altri, ma con percentuali anche al di sotto del 35 % , con un premio di maggioranza vincerà le elezioni con il 55% circa di seggi in parlamento! ERGO  TRATTASI DI UNA PORCATA BIS !

Comunque gli addormentati Italiani, che pensano a scontrarsi solo per il calcio e altri sport di massa, che pensano di risolvere le loro problematiche economiche con le lotterie  e le scommesse, che si ingegnano per i viaggi , le gite e  le cene di fine settimana, oltre ad inebetirsi davanti ai programmi televisivi demenziali del nostro regime partitocratico , avranno presto modo di capire dolorosamente gli effetti di questa nuova legge elettorale.

Per Neodemocrazia sociale, invece il punto di partenza di una buona legge elettorale,  inizia con l’istituzionalizzazione delle primarie in ogni collegio elettorale e per ogni partito che vuole presentarsi ad una competizione elettorale locale o nazionale. I candidati dovrebbero essere solo quelli che risiedono nel collegio e nominati, attraverso le primarie, dagli stessi iscritti dei singoli partiti: mai e poi mai listini decisi a tavolino dalle segreterie dei partiti !!!!

Definita dagli elettori le liste da presentare alle consultazioni elettorali, il sistema per eleggere i rappresentanti del popolo dovrebbe essere solo quello proporzionale che sicuramente  garantisce   le minoranze di ogni tipo. 

Naturalmente in un sistema tripolare è facile che dalle urna non emerga nessuna maggioranza del 50% + 1  per poter governare democraticamente . La nostra Corte Costituzionale , sempre più espressione   di questa partitocrazia , l’anno scorso ha sentenziato che il ricorso al ballottaggio , come avviene per l’elezione dei sindaci in Italia o anche per eleggere il presidente della repubblica in Francia, che non mi sembra una nazione meno democratica della nostra,non è in sintonia con la nostra Costituzione (sic!) . Chissà perché ? Le motivazioni addotte ? Degne degli azzeccagarbugli!

E allora? Con il ricorso al ballottaggio sono sempre  gli elettori a decidere tra i due partiti maggiormente votati chi debba avere la maggioranza in parlamento e , conseguentemente , la possibilità di formare un nuovo governo. Invece con il Rosatellum 2 ?

Facilmente  alle prossime elezioni avremo tre coalizioni o   partiti singoli senza nessuna maggioranza e quindi si andrà per la seconda volta alla formazione di un  governo con ammucchiate tra centro-sinistra e centro destra impresentabili , che giustamente fanno aumentare la disaffezione degli elettori verso le urne, peraltro molto gradita all’attuale oligarchia partitocratica.

Un buon presidente della repubblica piuttosto che avvallare certi inciuci dovrebbe sciogliere le camere e indire nuove elezioni… ma ciò non giova alla cosiddetta casta e quindi , aldilà di eventi eccezionali, mala tempora currunt ! ovvero se gli elettori non inizieranno a svegliarsi  saranno “cavoli acidi a merenda” per tanti Italiani soprattutto per i giovani e le categorie più deboli, ancora più indeboliti dalle recenti invasioni incontrollate che stanno generando disastri  finanziari e tensioni sociali.

Per l’Attuazione della NeoDemocrazia Sociale         Domenico  Cammarano

L’Attuazione della democrazia: le primarie.

 

Finite le vacanze estive per i comuni cittadini, i politici  ricominciano a parlare della legge elettorale. La vera fatica che devono affrontare è quella di mettersi d’accordo per far apparire, ai soliti distratti cittadini, che si costruisce qualcosa di nuovo senza intaccare i propri  interessi, che hanno l’unico obiettivo di controllare l’elezione dei “clan” dirigenziali  che gestiscono le segreterie dei partiti.

 Risultati immagini per foto primarie ....MA PER DAVVERO!!!

Come ho avuto modo di precisare più volte nei precedenti articoli, una buona legge elettorale dovrebbe partire sempre dai criteri per la scelta  dei candidati da proporre agli elettori. Da sempre sono state le segreterie dei partiti a scegliere i candidati, dal “Porcellum” in poi fino alle ultime proposte presentate con “l’Italicum” abbiamo assistito ad una virata verso un verticismo che di fatto sta imponendo , ad ogni livello , il criterio della “nomina” dei candidati da parte delle segreterie dei partiti.

Viceversa , per cambiare rotta e per iniziare un cammino verso l’attuazione della democrazia diretta, i candidati nelle elezioni amministrative e politiche dovrebbero essere scelti solo  dagli elettori  , con il sistema delle primarie.

Risultati immagini per foto primarie  Queste ultime dovrebbero essere regolate sostanzialmente da una legge, come premessa a quella elettorale, che dovrebbe imporre ad ogni partito le “primarie” con il rispetto di una regola comune: per la scelta dei candidati, tutti gli iscritti regolari di un partito devono essere elettori attivi e passivi, cioè possono votare  ed essere votati per nominare , tra quelli con maggior preferenze , i candidati da sottoporre al giudizio di tutto il corpo elettorale. Di fatto dovrebbero scomparire quelle “farse di primarie” , dove i capi-corrente propongono i loro candidati, che rappresentano i soli a “giocarsi” la candidatura con votazioni , spesso, manipolate e fraudolenti.

Quindi , ancor  prima di parlare di legge elettorale, si dovrebbero regolamentare per legge le “primarie” , con il preciso scopo di restituire al popolo “sovrano” i criteri , con votazioni “pulite”, per definire le candidature dal basso  e mai più nelle “secrete” stanze delle segreterie politiche.

Per l’Attuazione della Neo democrazia Sociale               Domenico  Cammarano

L’attuazione della Democrazia: le dinamiche assembleari.

 

Risultati immagini per foto neo democrazia sociale

NEO DEMOCRAZIA SOCIALE PER L’ATTUAZIONE DELLA DEMOCRAZIA .

Per l’Attuazione della Democrazia , ho spiegato negli articoli precedenti , che è fondamentale il ruolo diretto e propositivo dei cittadini , che trovano all’interno delle Assemblee o Comitati civici  uno spazio da gestire autonomamente, secondo dinamiche e regole dell’uguaglianza democratica seppur con funzioni  legate alle diverse competenze e ai ruoli definiti secondo il principio della democrazia diretta.

L’incontrarsi, il raccontarsi, il chiacchierare come accade  al mercato o  per strada, non assolve al compito del cittadino attivo che partecipa per contribuire alle decisioni collettive. Occorre informarsi , conoscere tra le necessità pubbliche  quelle che hanno un maggior rilievo perché interessano una maggioranza di cittadini. Da qui la necessità dell’approvazione di un ordine del giorno, necessario per discutere e per deliberare.

Risultati immagini per foto assemblee popolari

A tal fine è necessario avere la presenza , nelle Assemblee civiche , di diversi esperti ( ben diversi dai politicanti che s’infiltrano sempre) , in relazione agli argomenti che si vogliono affrontare.Non è possibile deliberare, ad esempio,  su argomenti riguardanti la sanità, l’ambiente, l’economia, se tra i partecipanti non vi sono anche persone che hanno una specifica preparazione e competenza! Il compito dei cittadini presenti nell’Assemblea è di ascoltare, intervenire per chiedere delucidazioni, magari anche per esporre il proprio punto di vista e  poi, alla fine, informati, tutti insieme votare e scegliere anche  tra soluzioni diverse che possono sempre presentarsi. La capacità “nuova” del cittadino responsabile è di “intuire”, laddove non ha competenze proprie , quale soluzione prospettata appare la migliore, magari anche chiedendo una pausa di riflessione, per aggiornarsi e approfondire la tematica. Quest’esercizio dovrebbe iniziare nell’ambiente scolastico , dalle primarie, e diventare un modello anche per le famiglie e i luoghi di aggregazione e di lavoro.

Nelle organizzazioni politiche costituite in maniera sistematica e diffuse sul territorio , un ruolo specifico dovrebbero avere i “gruppi tecnici ” ovvero gli specialisti dei vari settori che compongono la società civile e gli “ideologi” del partito o movimento politico costituito. Un’ associazione, un movimento o un partito politico senza un preciso riferimento culturale e ideologico , equivale ad un’armata Brancaleone , che può aver di tutto tranne uno scopo serio di realizzare un programma sociale.

Purtroppo  fra i tanti movimenti e partiti politici italiani attuali, le differenze ideologiche sono impalpabili ; spesso tra  la destra e la sinistra , come per quelle “storiche” dell’Ottocento nell’Italia post-unitaria, le differenze le fanno solo i volti e gli stili dei vari personaggi schierati dall’una o dall’altra parte, quasi mai i contenuti “filosofici” o “ideologici” che rappresentano anche quel “filo rosso” che permette agli iscritti e ai simpatizzanti di poter decidere e schierarsi rispetto alle mille novità che la vita quotidiana  impone.

Ricapitolando, le coordinate per i partecipanti ad un’Assemblea civica  devono essere: a) l’impegno diretto e responsabile ( la formazione e l’informazione) , b) la presenza di esperti nei vari settori della vita pubblica, c) gli ideologi ( in riferimento ad Assemblee di  partiti e di  movimenti politici ) .

Per l’Attuazione della Neo Democrazia Sociale       Domenico  Cammarano

L’attuazione della Democrazia: le consultazioni

 

In un vero sistema democratico , ho sottolineato nei precedenti articoli, l’elemento decisivo per valutarne l’effettiva validità , è il ruolo dei cittadini e gli strumenti di controllo che il corpo elettorale detiene legalmente sulle istituzioni statali.  Per controllare  e valutare la corrispondenza tra mandato corrisposto dai cittadini  e le  strategie messe in atto per assolverlo da parte dei rappresentanti, le consultazioni sistematiche hanno un ruolo decisivo.

Immagine correlata

In primo luogo, chi detiene il potere dovrebbe esprimere chiaramente le sue  priorità, le sue esigenze  , che non dovrebbero mai essere determinate da un  ristretto gruppo di “bellimbusti”  ; se mai chi si vuol candidare a rappresentare la volontà popolare , dovrebbe saper proporre le soluzioni più adeguate per raggiungere gli obiettivi manifestati dai cittadini.

Un esempio eclatante è dato proprio dalla politica degli ultimi governi ( Renzi, Gentiloni ) , ma allo stesso modo anche da  quelli precedenti !  Ricordiamo tutti che rispetto a problemi palpitanti , presenti sulla bocca di tutti, come la crisi economica, la disoccupazione, l’ordine pubblico e la sicurezza nelle città, i nostri amati “rappresentanti del nulla”, hanno deciso in via prioritaria  di   modificare la costituzione, di modificare lo statuto dei lavoratori, di modificare la scuola pubblica, di interessarsi delle unioni civili e della cittadinanza da attribuire agli stranieri e di altri pochi argomenti che interessano solo l’oligarchia politica italiana e minoranze risibili, rispetto a problemi di gran lunga più seri che angustiano la maggioranza degli Italiani.

Risultati immagini per foto comitati civici

Invece in uno Stato veramente democratico, i partiti e i movimenti politici, le associazioni, i comitati civici, dovrebbero riunirsi sistematicamente per ascoltare le esigenze dei propri iscritti e simpatizzanti, dandogli la parola e non indottrinandoli con stupiderie pubblicitarie valide solo per cercare consensi elettorali a buon mercato. Nei partiti e nelle associazioni ci si dovrebbe incontrare frequentemente per discutere i problemi dei cittadini  e per risolverli nell’ambito degli ideali e principi presenti nello statuto di quelle organizzazioni. Invece? Avviene l’esatto contrario!

Ancor meglio, al di fuori di queste associazioni tradizionali, dovrebbero operare, su tutto il territorio nazionale, comitati civici, dove spontaneamente i cittadini, non catechizzati dalle varie segreterie politiche, potrebbero esprimere le proprie esigenze e imparare a cercare le logiche soluzioni , affidando , a coloro che presentano migliori soluzioni e capacità operative, la possibilità di rappresentare il  comitato di cittadini. Tutto ciò per recuperare all’impegno politico e alla partecipazione attiva, quel 50% degli aventi diritto al voto che , per la gioia di tutti i  nostri partiti politici , non vanno più a votare ,che così facendo  hanno ceduto  di fatto ogni potere alle solite tre o quattro segreterie politiche che comandano in Italia!

Le consultazioni dovrebbero svolgersi in una fase successiva o interlocutoria, anche attraverso i mezzi della rete web, attribuendo ad ogni elettore , forse anche ad alcune fasce di minorenni, una password , come le abbiamo tutti per le operazioni bancarie, per l’Inps, per l’Agenzia delle entrate e tanto altro ancora, con l’unica finalità riguardante il confronto delle idee e le proposte da imporre a coloro che si vogliono candidare in occasione delle “tornate elettorali”.

Il momento culminate delle consultazioni popolari dovrebbe avvenire attraverso lo strumento delle primarie, regolamentate dalla legge. Ma di questo ne parleremo la prossima volta.

Per l’Attuazione della Neo Democrazia Sociale                Domenico   Cammarano

L’Attuazione della Democrazia: quanti parlamentari?

 

Risultati immagini per foto neo democrazia sociale

NEO DEMOCRAZIA SOCIALE  PER L’ATTUAZIONE DELLA DEMOCRAZIA

Tra i tanti slogan della vecchia e nuova partitocrazia , anche da parte  del Movimento cinque Stelle,  sentiamo ripetere sistematicamente che bisogna ridurre il numero dei parlamentari per risparmiare !?! Ma guarda un po’ !  Mi sembra chiara la motivazione, aldilà  del becero populismo che si cela dietro a questi slogan pubblicitari , che fa colpo sugli ignoranti , sui superficiali e soprattutto sui pseudo-democratici! Meno sono gli eletti e più facilmente sono controllabili dai segretari dei partiti che li ha fatti eleggere, proprio come usa fare  anche Grillo.

In una vera democrazia gli eletti devono essere direttamente proporzionati agli elettori, legati a quest’ultimi da un rapporto diretto di fiducia, senza capi partito tra i piedi che dettano contratti da sottoscrivere per muoverli come burattini!

Allo slogan rispettabilissimo che recita “Dobbiamo mandarli tutti a casa” , riferendosi a questa classe di politici attuale inadeguata  e spesso corrotta , non può corrispondere l’idea di sostituire gli attuali politici con altri a servizio di “nuovi padroni”! I “nuovi padroni” devono essere i cittadini, educati e preparati a far politica, cioè a partecipare e votare  con competenza  chi sa proporre soluzioni valide a problemi sociali, dando conto alla fine agli elettori stessi del loro operato  e non ai segretari delle lobby di partito.

Risultati immagini per foto sul numero dei parlamentari

UN POPOLO CHE GIA’ DECIDE POCO COSTITUZIONALMENTE !

Quindi il numero dei parlamentari è già di per sé inadeguato per difetto e non per eccesso…. ridurlo a “quattro gatti”, può essere utile solo a questi partiti che hanno l’ansia di controllare  quei pochi che devono eseguire i propri interessi individuali! Il rapporto tra elettori e rappresentante deve essere diretto e quindi, in media, oltre ai 50.000 votanti per ogni rappresentante, risulterebbe  sterile  per la “democrazia diretta”,  ma sicuramente  favorevole alla partitocrazia e anche ai pentastellati.

Un discorso a parte va fatto per i rimborsi o stipendi dei parlamentari .  Quello attuale , compreso tutto ciò che viene concesso dalle aziende pubbliche a manager e consulenti è sproporzionato; così come esiste un minimo salariale per dipendenti pubblici e privati  dovrebbe esistere, per legge, anche un massimo di retribuzione per tutti , ben al di sotto degli stipendi e pensioni d’oro, che attualmente sono in vigore in Italia .

Le buste paga in Parlamento GRAFICA © Ansa

La proposta di Neo Democrazia Sociale, riguardante la retribuzione o rimborso dei nostri rappresentanti regionali o nazionali  non dovrebbe mai  superare i 5.000 euro o meglio ancora dovrebbe essere proporzionata alle presenze in “AULA”, quindi circa un terzo di quello che percepiscono tanti attuali “rappresentanti di se stessi” senza far nulla! Lo stesso discorso vale per ministri , presidenti , alti funzionari della pubblica amministrazione. Considerando che anche un usciere di Montecitorio prende una paga che sfiora i  10.000 euro al mese, si risparmierebbero bei milioni all’anno , senza cadere nel ridicolo di chi propone retribuzioni di 2.500 euro al mese inadeguati per recarsi  a Roma e sostenere la propria famiglia anche a centinaia di km dalla capitale.

Per  l’Attuazione della Neo Democrazia Sociale              Domenico Cammarano

La questione degli immigrati clandestini: analisi e possibili soluzioni.

 

Sulla questione degli immigrati clandestini ,che ormai sbarcano quotidianamente nei nostri porti  creando non pochi disagi, già avevamo espresso il nostro parere nel giugno del 2015, sempre dalle pagine del blog dell’Attuazione delle Democrazia. Gli interrogativi di allora , sono rimasti gli stessi, per la presenza degli stessi attori, anche se alcuni di questi , le Ong ( le organizzazioni non governative ) hanno assunto un ruolo sempre più “presente” anzi onnipresente!

Risultati immagini per foto gommoni immigrati

Le vicende di Lampedusa legate spesso alle vittime di questi  immigrati, oggi hanno assunto una dimensione che va sempre più interpretata.  Infatti le motivazioni di queste ondate migratorie di  centinaia di migliaia di persone che cercano ospitalità in Europa sono apparentemente almeno due. Da una parte una minoranza , che costituisce circa il 5% dell’intero flusso migratorio, che scappa da guerre terribili , come quella combattuta da anni in Siria, e che chiede all’Europa “asilo politico” , così come è previsto da  quasi tutte le carte costituzionali dei paesi democratici.

Risultati immagini per foto delle organizzazioni non governative

Verso queste persone vi è sicuramente un dovere morale e civile da parte dell’Italia , dell’Unione Europea e  dell’ONU, che  dovrebbero dare una sistemazione dignitosa a chi ha perso tutto per le guerre e rischia la vita.

Quindi laddove ci sono richieste di intere famiglie che chiedono asilo, la motivazione è verosimile e l’accoglienza deve essere gestita dalle istituzioni nazionali e internazionali; invece l’intera Unione Europea scarica l’intero onere solo sull’Italia, che prona e supina cerca di starnazzare con i suoi politici, ma alla fine , obbedendo a logiche tutt’altro che umanitarie, accoglie tutti,  soprattutto quella massa di giovani e giovanissimi uomini, circa il 95% di questi flussi migratori, che correttamente vanno classificati come “immigrati economici”. Questi ultimi , come tutti , pagano ai trafficanti libici circa 1000/1500 dollari per un posto su un gommone ,  per trovare ” l’America” in Italia ( sic ), cioè  occupazione e benessere economico in una nazione dove il 15 %  della popolazione è disoccupata e circa il 40% dei giovani non ha un lavoro!

Da qui il “business” tipicamente italiano , dove le ragioni umanitarie mi sembrano decisamente risibili. Ogni clandestino ci costa circa 35/40 euro al giorno per vitto e alloggio… e chi paga? Non ci risulta che le spese di mantenimento siano equamente distribuite tra tutti i membri dell’Unione Europea o da altre organizzazioni internazionali; anzi l’intera organizzazione “umanitaria” è  a carico degli Italiani. Infatti dal recupero dei pseudo-naufraghi , che dopo aver percorso le circa 15 miglia di mare delle acque territoriali libiche, vengono intercettati subito dalle nostre organizzazioni non governative  fino al trasporto nei nostri porti  e alla sistemazione in centinaia di comuni d’Italia ,  è completamente a carico del governo italiano e quindi di tutti noi!

Vada per l’accoglienza degli immigrati per cause di guerre, ma certamente non possiamo dare ospitalità a tutte quelle popolazioni che nel mondo cercano una seconda patria in Italia…..esistono anche altre nazioni con principi uguali o simili ai nostri! Anche noi nel Novecento abbiamo subito totalitarismi, guerre , invasioni, bombardamenti, miserie e distruzioni , ma certamente non abbiamo preteso in massa ospitalità altrove, anzi  ” con due piedi in  una scarpa” abbiamo sopportato umiliazioni e soprusi anche in Paesi che si definivano e vengono definiti esempi di democrazia e libertà. Voglio dire che l’ospitalità è qualcosa che si chiede nel rispetto delle leggi del Paese ospitante e mai con arroganza  e soprattutto clandestinamente!!!

Infatti quasi tutti i Paesi dell’Unione Europea hanno risposto all’Italia di frenare i flussi migratori clandestini e di rispedire gli immigrati per motivi economici a casa loro. Il governo italiano invece che fa? Spedisce le nostre ONG ai confini territoriali della Libia e il primo gommone che salpa alla luce del giorno verso l’Italia  viene prontamente “salvato”! E in effetti con tali imbarcazioni non si muoverebbero proprio dai loro porti se , ad iniziare dagli scafisti, non  avessero la certezza di essere subito traghettati comodamente in Italia. Ed ecco perché le poche centinaia o migliaia fino al 2014 sono diventate decine e centinaia di migliaia nell’ultimo anno .

Risultati immagini per foto porti libici

Crediamo che tutta questa politica  non abbia solo finalità umanitarie, ma  invece, soprattutto economiche. Mi spiego meglio! Tutti gli immigrati che “scappano” dai centri d’accoglienza,e che sistematicamente vengono respinti dalle nostre nazioni confinanti, vanno ad arricchire quell’esercito di lavoratori clandestini, che sottopagati vanno a “sostenere”, in una logica perversa, l’economia di aziende di ogni genere ma soprattutto agricole, che grazie alla cecità delle nostre istituzioni, continuano a lavorare con mezze paghe e senza orari “sindacali”, alla faccia di tutte le regole  e le democrazie, consentendo da una parte la sopravvivenza delle stesse che, risparmiando sui dipendenti “Irregolari” , possono pagare ” il pizzo” ( le tasse sproporzionate) allo Stato italiano , sempre più incapace di una vera politica economica dignitosa .

Al danno la beffa! I nostri giovani, non “educati” a questa prassi di lavoro in nero, sostenuti ancora dai redditi solidi dei loro genitori, abituati solo a “svolazzare” , cercano, a loro volta , in alcuni casi, fortuna all’estero per lo più come inservienti perché pagati meglio rispetto all’Italia, altri  , la maggioranza , stanno comodamente a sfruttare le ultime risorse familiari, in attesa di tempi migliori!

Ma ritornando ai nostri clandestini, che a frotte andiamo a recuperare in alto mare, il governo italiano come dovrebbe regolarsi?

In primo luogo imporre all’Unione europea una politica estera unica e una gestione dei confini, condivisa sotto tutto gli aspetti , diversamente minacciare  e poi attuare l’uscita dalla stessa Unione. Negoziare con la Libia e altri Paesi coinvolti in questo traffico di esseri umani, centri di raccolta   delle domande di  immigrazione,  gestiti anche da istituzioni internazionali, presso i porti d’imbarco, i nostri consolati e le nostre ambasciate o altri luoghi definiti dalle autorità locali. Ciò troncherebbe il traffico clandestino e consentirebbe a questi “poveri” di risparmiare  i  1000/1500 dollari  e soprattutto di non rischiare la vita.

Spesso ci riferiscono che le autorità locali non collaborano, perché chiaramente ci sguazzano in questo commercio di esseri umani immondo e crudele: bene! Un governo di uno Stato veramente democratico e portatore dei valori umani a protezione dei veri “poveri” e non complice morale di trafficanti , andrebbe , comunque a recuperare i cosiddetti naufraghi , ma invece di accompagnarli nei nostri porti , li dovrebbe ricondurre da dove sono partiti, con le buone azioni diplomatiche o con l’ausilio delle forze armate navali e aeronautiche . Alle volte, per far trionfare la giustizia  ed eliminare le cause di tanti sfruttamenti ,  vanno mostrati i muscoli! Tutto ciò , senza tralasciare la politica d’accoglienza verso coloro che ne hanno veramente diritto , come prevede la nostra Costituzione, e tutti gli altri aiutati nei propri Paesi, insegnando loro, anche,  che certi diritti si conquistano combattendo e non scappando, lasciando bambini, donne e  anziani alla mercé di tanti dittatori e sfruttatori nazionali e internazionali.

Per l’Attuazione della Neo democrazia sociale       Domenico Cammarano

L’ATTUAZIONE DELLA DEMOCRAZIA: le assemblee dei cittadini.

 

Risultati immagini per foto neo democrazia sociale

NEO DEMOCRAZIA SOCIALE  PER L’ATTUAZIONE DELLA DEMOCRAZIA

Nell’articolo del 9 luglio , ho elencato alcune indispensabili priorità per tentare di arginare la partitocrazia che domina ovunque  che erroneamente viene scambiata per democrazia.

Ho sottolineato che per democrazia non è possibile intendere un sistema politico dove i cittadini periodicamente , mediamente ogni cinque anni, con un segno di croce su di una scheda,  firmano cambiali in bianco ad un manipolo di arrivisti. Questo sistema di cose  conduce al  tragico risultato che il popolo , detentore del potere, per mezzo di un “patto iniquo”, come già 250 anni fa lo definiva Rousseau, viene rappresentato da una oligarchia  strapagata, ma soprattutto senza vincoli o obblighi giuridici verso i cittadini.

Le polemiche sorte da qualche anno , soprattutto con il Movimento 5 Stelle, si fondano sul non sottile principio che chiunque sia eletto dai cittadini, debba  rispondere in primo luogo agli elettori stessi del proprio collegio e, in subordine, al  partito dove tale rappresentante è stato candidato. Il legame elettori-rappresentante non può essere formale e circoscritto al chiacchiericcio banale che emerge solo nel  periodo delle campagne elettorali. Questo rapporto,   senza intermediari o tutori (  vedi l’invadenza del duo Grillo-Casaleggio nei rapporti tra eletti ed elettori del M5S , comune anche ad altri partiti) deve  consolidare i legami tra i candidati e gli elettori con programmi e impegni ben precisi.  Altri vincoli, contratti e cessioni tra candidati e partiti , non devono esistere in un autentico Stato democratico, soprattutto quando si tratta di elezioni politiche e del mandato che gli elettori concedono ai propri candidati.

Immagine correlata

A questo punto che entrano in gioco le cosiddette assemblee dei cittadini o comitati civici, che possono rappresentare quelle palestre di formazione politica di base, dove si possono creare le idee per risolvere problematiche comunitarie, sullo stile delle assemblee della più antica esperienza di democrazia  nata 2500 anni fa in Grecia.

Queste assemblee  o comitati , generalmente vengono boicottati dai partiti, almeno che non siano direttamente controllati da essi per trasformarsi in  collettori di voti per le proprie campagne elettorali. Nelle rare assemblee locali ,convocate dai partiti nostrani , si può partecipare solo come claque, per applaudire o ribadire i concetti fumosi espressi con il solito “politichese”, dall’oratore di turno. Azzardarsi a dissentire o per lo meno avanzare proposte concrete diverse dalla linea della segreteria del partito, su un tema dibattuto , si viene immediatamente emarginati o , caso più frequente, si viene esclusi  alla prossima riunione.

Il principio fondamentale che l’essenza della democrazia vuol dire ovunque confronto di idee che partono dalla base, non esiste proprio nel vocabolario della nostra partitocrazia. Bene! Per chi vuol essere inquadrato in un partito a struttura gerarchica, in quanto cerca con il suo impegno solo la raccomandazione per sè o per i propri familiari, insomma per chi nasce spiritualmente gregario,  ”portaborse” o “lacche” , in una società di consumatori di beni fittizi , l’attuale partitocrazia pseudo-democratica è l’ideale…. diversamente ci si deve educare al confronto delle idee , che nascono dall’informazione e, meglio ancora, dalla cultura.

I luoghi per manifestare  quello che “aristotelicamente” è l’essenza umana, intesa come “animale razionale” che si realizza in una comunità civile, è l’assemblea che iniziando dal suo nucleo fondante e naturale che è dato proprio dalla famiglia,va progressivamente al “condominio” al “quartiere” e via via a  quelle comunità artificiali, sempre più universali, che conducono alla costituzione del  Comune e dello Stato.

Vivere democraticamente vuol dire essenzialmente imparare a prendersi “cura degli altri” , saper decidere “responsabilmente verso gli altri e verso il mondo”; ciò  presuppone il confronto e la regola che quando  non c’è l’unanimità , si prosegue con una effettiva maggioranza , senza mai impedire  che la minoranza possa trasformarsi, in futuro, in  maggioranza.

L’assemblea popolare non rientra in molte ideologie politiche. il liberalismo classico e il cosiddetto liberalismo-democratico sottolineano il momento formale della democrazia indiretta costituito esclusivamente dalle elezioni e dal distacco giuridico tra eletti ed elettori.  I totalitarismi di stampo fascista   presuppongono il controllo della “massa” guidata verso un consenso voluto da un “duce” , che naturalmente  esclude ogni dissenso e ogni dialettica assembleare e parlamentare ;  anche i totalitarismi di matrice comunista , pur facendo leva su una classe sociale a discapito delle altre, impongono la giuda illuminata di un gruppo di “rivoluzionari di professione”  che sanno  essi solo, cosa il popolo deve desiderare e la strada per raggiungere l’obiettivo ( malattia di tutte le pseudo-democrazie),  pilotando con le buone o con mezzi repressivi il raggiungimento della cosiddetta “democrazia popolare”, dove lo spirito del gruppo iniziale si trasforma  ”storicamente” in una dittatura grossolana di un leader sull’intero popolo, che elimina  i diritti delle persona umana e l’iniziale  vocazione democratico-assembleare.

Lo spirito assembleare , espressione unica del vivere comunitario,  diventa democratico quando si parte dal presupposto che la propria partecipazione  all’assemblea è un dovere per assolvere all’impegno di contribuire alla gestione della “cosa pubblica”, dove il fine è il bene comune  e non esclusivamente il bene mio e dei miei “pari”!

Tutto ciò presuppone una cultura umanistica per imparare a trattare con il nostro prossimo e, una cultura tecnica, per contribuire a risolvere questioni pratiche , che non sempre l’onestà e il “buon senso comune” possono da soli  essere sufficienti. Lo slogan politico di certe forze emergenti che pensano che solo l’onestà possa essere sufficiente al buon governo, è cosa poco credibile, perché , oltre alla rarità scarsità degli onesti come categoria sociale, occorrono le competenze  e le squadre di governo ben assortite e non create “al momento”  per  ben gestire con l’approvazione popolare , che certamente non può e non deve emergere solo attraverso sondaggi  pilotati attraverso la rete web.

Imparare a discutere , partendo da una buona conoscenza dei diritti umani di matrice “personalistica”, che poi è il cuore pulsante della nostra Costituzione, è il presupposto di ogni assemblea popolare e di ogni anelito onesto di democrazia diretta.

Per l’Attuazione della Neo Democrazia Sociale                 Domenico Cammarano

A.A.A. CERCASI CALCIATORI A COSTO ZERO PER LA SALERNITANA!

 

Risultati immagini per foto squadra salernitana

I giornalisti di Salerno, da mesi stanno facendo di tutto per far parlare della Salernitana, ma anche loro basiti, per sopravvivere, si inventano notizie sulle prospettive della squadra che vadano oltre il deplorevole elenco di calciatori ceduti, a prezzi stracciati, a tutti coloro che  ne fanno richiesta.

E’ di uno squallore unico , pensare che società calcistiche , che sulla carta hanno risorse inferiori a quelle dei nostri comproprietari  , stanno allestendo squadre  anche facendo degli acquisti mirati , mentre per la Salernitana assistiamo solo un accaparrarsi di qualche calciatore da squadre in crisi o, meglio ancora, prestiti  per mettere su una rosa appena valida per un campionato di B di sopravvivenza o ,più realisticamente, per retrocedere  fluidamente in serie C!

Certamente con un budget  di 5 milioni di euro si possono allestire solo squadre per la serie C, soprattutto se si parte dalla svendita dei pezzi migliori della squadra , ma non per questo eccezionali. Iniziare un ritiro precampionato senza portiere, senza centrocampisti, senza attaccanti è semplicemente vergognoso , è schiaffeggiare tutti quei tifosi  che vivono per la squadra e che da anni hanno creduto, ingenuamente, che la rispettabile ditta  romana , potesse anche allestire una squadra vincente in qualsiasi categoria!

Questa situazione allucinante è anche merito del nostro San Vincenzo De Luca, protagonista  di ogni scelta pubblica a Salerno, che optò per gli imprenditori romani, realisticamente affaristi, che non potevano e non possono fregarsene di meno della città di Salerno e dei suoi tifosi.

Presumo, dalle scelte degli ultimi anni  e da questo inizio di precampionato, che l’obiettivo dei compadroni romani sia , dopo aver esaurito gli affari a Salerno , di svendere la squadra, iniziando dai pezzi migliori  e ,una volta retrocessi, vendere l’intera squadra a costi sicuramente superiori rispetto a  quando l’acquisirono in serie D, per ricavare , alla fine, un margine tangibile di guadagno.

Pensare che si possa allestire una squadra competitiva , con giovani calciatori ,presi con il solo criterio del risparmio, a costo zero, gestiti  da  allenatori scarsi e  da una società che da anni non ha mai saputo valorizzare un solo giovane, anzi ha saputo solo bloccare la carriera di tante promesse, come Strakoscia,  Pollace, per non parlare di un Donnarumma , sicuramente tra i migliori attaccanti , tecnicamente parlando, della serie B e sempre mal utilizzato nell’ultimo anno, oltre a Mantovani e tanti altri ancora, mi sembra solo fantasticare, illudendosi ancora una volta.

Credere nei miracoli non è ridicolo e , per chi ha fede, non è impossibile, ma certe fenomenologie possono essere valide in altri settori della vita privata , non certamente per attività sportive, soprattutto se inficiate dalla cattiva volontà.

Chissà se la premiata ditta romana non abbia mandato sui luoghi degli sbarchi, i suoi tecnici per bloccare tra gli immigrati clandestini, qualche ipotetico aspirante calciatore , da reclutare sicuramente a costo zero!!! La vie del Signore sono spesso infinite, come la sfacciataggine di certi imprenditori.

Nonostante tutto…. FORZA SALERNITANA!             Domenico  Cammarano

L’ATTUAZIONE DELLA DEMOCRAZIA: le premesse.

 

Risultati immagini per foto neo democrazia sociale

NEO DEMOCRAZIA SOCIALE  PER L’ATTUAZIONE DELLA DEMOCRAZIA.

Il cuore della democrazia va reso attivo costantemente  nella manifestazione della volontà dei cittadini, che nelle nostre società liberal-democratiche si manifesta solo attraverso le elezioni. Ma prima di parlare di “legge elettorale”, è fondamentale chiedersi quali sono le modalità attraverso le quali vengono candidati i rappresentanti della volontà popolare.

E’ esperienza comune constatare che per essere eletti in Italia, come altrove, bisogna compiacere i segretari dei partiti che contano e che di fatto determinano le nomine dei candidati alle varie elezioni amministrative e nazionali. Non sono le idee e i programmi dei singoli cittadini ad essere votati dagli elettori, ma coloro che sanno porsi al servizio dei  ”signori della partitocrazia liberal-democratica” e sanno garantire visibilità e successo alle idee di coloro che li hanno candidati.

In breve! Non sono  quasi mai i migliori, gli onesti, i competenti ad essere candidati , ma i lacchè, i portaborse , i mediocri, i  trasformisti  , che a servizio dei signori della politica, vengono  candidati e in spesso  eletti.

Insomma , le prerogative di coloro che vogliono iniziare a fare politica sono  determinate quasi esclusivamente dalla capacità di compiacere  quelle élite chi  di fatto hanno  il potere politico. Quasi mai  si verifica un rapporto diretto tra aspirante candidato e gli elettori, quasi mai gli elettori candidano colui che ha saputo guadagnarsi la loro fiducia, esponendo direttamente le sue idee , i suoi programmi politici per la comunità.

Non esiste , in pratica un sistema legale e ben regolato delle primarie, cioè una vera occasione dove gli elettori incontrano e  nominano i propri candidati, anche al di fuori dei circuiti chiusi dei partiti.

Immagine correlata

Neo-democrazia sociale, dal 2013 propone la creazione legale di comitati elettorali , con spazi gratuiti per i cittadini-elettori, garantiti in ogni comune, soprattutto per coloro che non si sentono e non vogliono essere rappresentati nelle strutture dei partiti esistenti. Dal confronto diretto e dall’investitura “dal basso” da parte dei cittadini-elettori, si dovrebbe giungere alle cosiddette “primarie” , dove gli elettori possano esprimere i propri candidati da far votare all’intero corpo elettorale nelle normali tornate elettorali.

Immagine correlata

Tutto ciò implica  un sistema elettorale dove sono obbligatori i voti di preferenza, senza capilista nominati , senza pluricandidature e quindi solo candidati residenti nel collegio elettorale  e mai infiltrati in cerca di consensi  per sé e soprattutto per i propri portaborse locali.

Naturalmente questa idea di “democrazia diretta” è illusoria senza un impegno attivo e sistematico dei cittadini, che ovviamente va  formato, come obiettivo primario dell’educazione delle istituzioni naturali come la famiglia e il gruppo, ma anche dalle istituzioni sociali e in modo particolare dalla scuola e da tutte le associazioni che si definiscono culturali e ricreative. Insomma non si nasce cittadino di una società democratica, né sono le leggi a determinarlo , ma l’opera costante di chi non ritiene la gestione del potere un traguardo per i propri scopi , ma un servizio per contribuire al bene comune.

Per l’Attuazione della Neo-Democrazia Sociale            Domenico  Cammarano

L’ATTUAZIONE DELLA DEMOCRAZIA: manifesto del 2 luglio 2017

 

   Risultati immagini per foto neo democrazia sociale

NEO DEMOCRAZIA SOCIALE    PER L’ATTUAZIONE DELLA DEMOCRAZIA

Riprendendo un’idea politica di qualche anno fa,  ripropongo una risposta, ad una problematica domanda: Ma esiste davvero la democrazia? Quante democrazie esistono e qual è quella autentica?  E’ possibile costruire una strategia per l’attuazione della democrazia al di fuori dei condizionamenti dei poteri forti finanziari e della volontà di dominio che sembra un principio biologico dell’essenza umana? Insomma quest’utopia che dalla cultura greca all’età moderna ha illuso tanti uomini, ha un senso, è attuabile come modello di vita o semplicemente è un metodo strategico perverso ,  per  chi ambisce alla gestione della cosa pubblica in una società economicamente evoluta?”

Ridotto all’essenziale, la domande alla quale tento di dare una risposta è : Che cos’è la democrazia? Notoriamente il significato del termine democrazia è : potere del popolo! Ma potere di fare che cosa? La risposta è semplice: fare delle scelte in campo politico cioè individuare problemi generali, scegliere tra tanti problemi particolari alcune priorità di carattere generale , dare una soluzione a queste priorità sulla base di obiettivi condivisi e valori universali, ovvero rispettosi della persona umana!

A questo punto è lecito dedurre che l’essenza della democrazia non è un qualcosa che possiamo estrapolare sempre dai nostri particolari bisogni naturali, ma la radice o essenza della democrazia va ricercata soprattutto a livello culturale: anzi la democrazia è il valore umano per eccellenza frutto  di scelte culturali pluriversali, dove con questo termine intendo l’educazione alla convivenza interpersonale, che nasce in famiglie e si sviluppa permanentemente in ogni istituzione  sociale . L’attuazione della democrazia si sposa unicamente con l’educazione al principio di “responsabilità”, ben espresso dalla cultura filosofica del Novecento in campo bioetico da Jonas e , simultaneamente , con il principio della tradizione religiosa orientale e cristiana della “cura ”  delle creature e del creato; ma per chi ama una squisita immagine culturale laica è necessario comunque rinviare alla fondazione della morale kantiana espressa dall’imperativo categorico del “io  devo”, eliminando, ” tout court “, ogni naturale e antidemocratico “io voglio” di matrice nietzschiana , anticamera della subordinazione e della legittimazione della schiavitù .

Risultati immagini per foto lo stato siamo noi

I principi  ”naturali” da soli non fondono la vera  democrazia; l’egocentrismo , l’orizzonte umano legato solo  ai propri bisogni individuali ( vedi il liberalismo ) , le lotte di classe o di ceti e gruppi emergenti contro quelli più deboli ed emarginati, non hanno nulla a che vedere con una corretta attuazione della democrazia.

Ciò premesso, le meschine diatribe su cavillose “leggi elettorali”  inscenate da anni da pseudo partiti o movimenti politici italiani, hanno qualche riferimento ad una vera attuazione della democrazia?

Risultati immagini per foto partecipazione e democrazia

E’ democrazia imporre  che il cittadino , depositario unico dei poteri dello Stato, possa esprimere unicamente  la sua volontà , come gli analfabeti  di un tempo, tracciando una crocetta su un simbolo elettorale  e, con quest’atto , delegando per cinque anni ad un gruppo di “nominati” il proprio potere? In Europa , in tutti i Paesi cosiddetti democratici, in Italia , quali sono gli strumenti legislativi che consentono ai cittadini di poter controllare i cosiddetti “nominati” o rappresentanti del popolo? Ha insegnato il filosofo del Novecento Karl Popper in “La società aperta e i suoi nemici ”  che la democrazia si identifica  con la possibilità, da parte dei governati, di controllare i governanti.

Non  esiste un sistema politico , né in Italia né al mondo, che offra strumenti legittimi affinché i rappresentanti del popolo possano  essere controllati dagli elettori. Il tentativo del Movimento Cinque Stelle di creare una cosiddetta ” democrazia diretta” è modesto perché , ad un partito votato  da diversi  milioni di  elettori, è risibile che  ci siano solo qualche decina di migliaia di votanti tramite “la rete” a decidere, con quiz di tipo pubblicitario, le strategie di un partito che vorrebbe cambiare il modo di governare, rappresentando l’intero popolo italiano! Alla fine , c’è una diarchia che controlla e decide per tutti …. e questa non è una migliore “democrazia ” rispetto al passato.

Il primo passo verso l’attuazione della democrazia può avvenire soltanto iniziando una formazione civile alla partecipazione diretta alla vita democratica, un’educazione ai diritti e ai doveri di cittadini consapevoli, partendo dalle famiglie, dalle scuole, dai condomini, dai comitati di quartiere e nelle circoscrizioni, quest’ultime quasi sempre strumenti accessori dei partiti e mai dei cittadini.

Solo la  partecipazione attiva , quindi, come palestra per maturare quel senso di responsabilità verso gli altri e verso se stessi, il prendersi cura della propria casa, della propria strada, della propria scuola  del proprio quartiere,  mediato da una cultura umanistica permanente verso la solidarietà consapevole, potrà realizzare,  finalmente , in modo più adeguato quello “stato sociale”, principio fondante della nostra Costituzione. Ma il banco di prova era ed è la formazione di quelle leggi che regolano i rapporti  tra governati e governanti, che rimane sempre più un’arma nelle mani di che occupa le sedi del potere illegittimamente .

Per l’Attuazione della Neo democrazia sociale           Domenico  Cammarano