Fattori impropri di coesione sociale

 
Mi sono chiesto più volte come mai, in Italia, non esplode il disordine e la rivolta sociale come in altri paesi mediterranei. Certo, anche se in crisi, stiamo ancora meglio di tanti altri, ma questa risposta non mi basta; io credo che intervengano altre componenti. Quella più legale e condivisibile, anche se dolorosa, è la partenza di tanti giovani cervelli per l’estero. Indubbiamente getta acqua sul fuoco. Poi interviene un fenomeno che potremmo chiamare meridionalizzazione, cioè la tendenza a vivere nell’illegalità per ragioni di sopravvivenza. Ecco allora la diffusione di fenomeni di macro e micro evasione fiscale. Non tutti si suicidano perché non ce la fanno, altri escogitano strategie che la guardia di finanza stenta a contrastare perché dettate da necessità di sopravvivenza e quindi molto diffuse. Il cosiddetto lavoro in nero è l’esempio più evidente, ma, secondo me, deve esistere anche altro, che non conosco, che tiene su il reddito di molti che in effetti non fanno ufficialmente nulla.

Certo la legge contrasta questi fenomeni, ma mi chiedo: ammesso che la repressione dell’illegalità abbia successo, non potrebbe questo innescare una rivolta, venendo meno un mezzo, sia pure illegale, di sopravvivenza? Quanto rischia il sistema se inasprisce i controlli? Insomma forse noi restiamo a galla per effetto di fattori, diciamo così, impropri, sarebbe giusto eliminarli, ma prevedendo elementi corretti.

Orbene con molto stupore noto che, nel suo piccolo, il recente decreto governativo varato per favorire l’occupazione giovanile fa l’esatto contrario. Un imprenditore che ha assunto un giovane regolarmente con contratto a tempo determinato non può godere di alcun vantaggio fiscale e contributivo, se trasforma il rapporto a tempo indeterminato. Viceversa un imprenditore che fa lavorare in nero un giovane può accedere ai recenti benefici previsti dal decreto, perché il giovane ufficialmente è un disoccupato. Insomma il governo sta proponendo una specie di legalizzazione del lavoro in nero, in pratica strizzando l’occhio ai tanti furbetti, che ovviamente di tutto hanno bisogna tranne del veder confermate certe impressioni diffusissime, cioè che il rispetto totale delle regole non paga, un po’ d’illegalità è prassi diffusa, conveniente ed ammessa, anche dalle autorità.

Prof. Giovanni Sarruso

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current day month ye@r *